Community | Info sugli autori
ZaniBike.Net
Immagine titolo

PASSABOCCHE

Commenti e foto degli ospiti

altimetria passabocche visitatori
  • Partenza:
    Pisogne Chiesa S. Maria (190)
  • Arrivo:
    Passabocche (1297)
  • Lunghezza:
    15,2 Km
  • Pendenza Media:
    7,3%
  • Pendenza Massima:
    14,5%
  • Difficoltà:
    3 stelle
Dimensione carattere: AZ- ... AZ (normale) ... AZ+


Descrizione della salita inviata da Baccanelli Renato


Salita quasi assimilabile per le caratteristiche di lunghezza e dislivello ad un passo alpino.
Lasciata la chiesetta di S. Maria della Neve famosa per i suoi affreschi del Romanino, punto di partenza dell'ascesa, saliamo per i primi 2,2 km con pendenze impegnative (7/8%), ma non proibitive, dopo 700 metri possiamo ammirare sulla dx la Pieve, giunti ad un tornante che gira a sx ci troviamo di fronte un muro di 200 metri con pendenze al 15%, bisogna affrontarlo con cautela perché la scalata è iniziata da poco e quindi è necessario recuperare subito; finito il pezzo duro si ritorna alle pendenze affrontate in precedenza giungendo al km 3,7 al bivio per Fraine e Colle San Zeno, giriamo a dx e la salita cala leggermente di intensità sino alla fine del 5° km quando abbandonato lo sguardo sul lago che abbiamo potuto ammirare in questo ultimo tratto, la salita riprende con più vigore lambendo al km 6,5 su un tornante la località di Pontasio, ancora 500 metri impegnativi e poi affrontiamo un tratto di respiro sino alla località Siniga al km 7, si riprende con pendenze impegnative oltrepassando al km 9 il bivio per Grignaghe e sfiorandone la chiesa al km 10, la fatica comincia a farsi sentire e anche le pendenze si accentuano sino a giungere al 12° km dove ci attende fortunatamente un breve tratto in lievissima discesa seguito da un tratto di salita pedalabile che ci portano al 13° km dove inizia un durissimo km con lungo tratto al 14%, un breve tratto di recupero e con ultimo km finale con pendenze abbordabili si giunge in località Passabocche.
La salita, nel primo tratto esposto al sole, si alza sopra l'abitato di Pisogne, entra poi in un bosco di latifoglie, da cui esce di rado lasciando comunque spazi a stupende vedute del lago sino alla località di Siniga, dove lasciate le ultime propaggini del bosco comincia a percorrere lunghi e aperti pendii prativi con magnifica visuale sulle Orobie che sovrastano il Sebino e la Vallecamonica che si estende a nord e solo nel tratto finale entra in un bosco di conifere, terminando poco oltre il rifugio Passabocche, unico punto di ristoro del posto.
Se non vogliamo tornare dal percorso da cui siamo saliti, possiamo svoltare a sx e per una strada purtroppo molto sconnessa dopo un km con un tratto inizialmente in discesa e successivamente in leggera salita giungiamo in località Croce Marino (m 1323) dove ha inizio la discesa che si innesterà dopo 4,3 km sulla strada che conduce al colle San Zeno.
Sia che si ritorni da dove siamo saliti, sia che si scenda da Croce Marino bisogna prestare molta attenzione a percorrere la discesa perché il manto stradale nei primi km è veramente sconnesso, poi migliora, ma presenta continui cambi, passando da tratti molto lisci a tratti ruvidi e rattoppati.
Sono salito in Passabocche per sette volte, la prima nel settembre 1986, con tempi di riferimento che vanno da 1h.11' a 1h.19'; i rapporti consigliati sono il 39x23x25, il 39x28 da utilizzare eventualmente sui due tratti al 15% (30x17x18x19x21 con la tripla moltiplica).
Se hai delle foto di questa salita e vuoi vederle su questo sito, inviale agli autori di questo sito.

Commenti e foto degli ospiti