Info sugli autori
ZaniBike.Net
Immagine titolo

SALITA DEL BEATO

Commenti e foto degli ospiti

altimetria salita del beato camonica
  • Partenza:
    Cogno (250)
  • Arrivo:
    Annunciata (686)
  • Lunghezza:
    4,3 Km
  • Pendenza Media:
    10,5%
  • Pendenza Massima:
    25%
  • Difficoltà:
    3 stelle
Dimensione carattere: AZ- ... AZ (normale) ... AZ+
Webcam nella zona:
Webcam Bassa Val Camonica
Bassa Val Camonica
Link esterni
Questa salita prende il nome dal beato Frate Innocenzo da Berzo e in poco più di 4 km ci porta al convento dell'Annunciata dove Lui visse e predicò. E' stata inserita in una pagina a sé perché di grande importanza per noi autori visto che è stata la nostra prima salita, quella che ha creato in noi la passione per la bicicletta e alle sfide alle salite più dure. La pendenza media è calcolata naturalmente sulla lunghezza totale del percorso, ma per fare capire la durezza di questa salita dobbiamo annotare che se questa media l'avessimo calcolata dopo i primi 2 chilometri, essa sarebbe del 14%!! Suggeriamo quindi rapporti adeguatamente corti. La salita inizia da un bivio segnalato sulla SP 8 nella località Colombera a PianCogno (anche se è possibile salire anche dal centro della frazione di Cogno, zona chiesetta S. Filippo).
Le strada è subito cattiva. Due tornanti ravvicinati al 18% ci aspettano. Subito dopo c'è un brevissimo tratto di relativo riposo e quindi una rampa che porta al bivio del Ginocchio con punte al 20 e superiori. Qui si congiunge la strada che sale da Cogno. Quindi ancora due tornanti con la "rata dell'Arcangela": media sopra il 15 % con punte del 20%. Le pendenze non mollano neppure nel seguente tratto rettilineo che corre tra baite e villette (l'unico tratto di respiro sono poche decine di metri al 10%) e che ci porta ai 2 tornanti di "Gioaldì" (17%). La strada è strettissima e passa solo un atumobile e anche se il traffico è molto limitato, non è impossibile doversi fermare per lasciare passare uno dei residenti del posto (il brutto è la ripartenza). Il fondo stradale è buono, e con la bicicletta da corsa non si corrono rischi tranne per qualche leggera "sgommata" dovuta alla pendenza e a del terriccio sempre presente.
Finalmente si arriva al primo tratto veramente pianeggiante che porta fino al bivio per i "sentieri di Pirla" e all'Oasi, un punto di riposo dotato di pachine e tavolini, una fontanella e un grande dipinto del santo. Qua rifiatate perchè manca l'ultimo strappo veramente impegnativo: lì a poche metri ci aspetta un tornante e la "rata della Candida" (20%).
Finalmente le pendenze diventano più pedalabili e in poco tempo si raggiunge la "piana di 4 venti" e quindi al "belvedere", una terrazza che dà sulla valle e da cui si può ammirare il panorama.
La strada ora spiana completamente: manca solo la salita verso il convento raggiungibile da un bivio a Sx.
E'l'ultimo strappo prima della discesa verso la piazza del santuario.
Se hai delle foto di questa salita e vuoi vederle su questo sito, inviale agli autori di questo sito.

Commenti e foto degli ospiti